L'ambiente in una scuola Montessori

"Il metodo dell'osservazione è stabilito da una sola base fondamentale:

la libertà degli scolari nelle loro manifestazioni spontanee". Educare alla libertà, Montessori.

 

L’ambiente costituisce il luogo dello sviluppo individuale del bambino e quindi in esso tutto deve poter facilitare il bambino e nulla deve essergli di ostacolo.

La scuola deve essere il lugo dove il bambino può vivere nella sua libertà.

Mobili, tavoli e sedie devono essere "leggeri" non solo per essere trasportati facilmente dai bambini,  ma perché per la loro stessa fragilità riescano ad essere educativi.

Per il medesimo criterio, i bambini di una scuola Montessori usano piatti di ceramica, brocche di vetro per l'acqua, soprammobili fragili: i bambini sono così invitati a movimenti coordinati, precisi, educati e in ogni caso ad esercizi di autocontrollo, di autocorrezione, di prudenza e rispetto, facendosi "maestri" del proprio movimento e padroni del proprio carattere.

 

Così il bambino avanza nella propria perfezione ed è così che egli viene a coordinare perfettamente i suoi movimenti volontari”.  L’autoeducazione nelle scuole elementari, Maria Montessori.

Associazione Scuola Montessori

P.IVA 00763770138 - C.F. 80022160131 - Codice destinatario per fatturazione elettronica: KRRH6B9
via Bignanico 4 - 22100 COMO tel. +39 031571235 - fax. +39 031573593 segreteria@montessori.co.it PEC:montessoricomo@pec.it
via Polano 55 - 22100 Tavernola COMO tel. +39 031511937 segreteria.medie@montessori.co.it